Atti del Convegno

 

Come le sette si infiltrano nelle istituzioni del mondo

il sàbato 17 aprile 2010

Millennium Hotel London Mayfair, 44 Grosvenor Square, Westminster, W1K 2HP, Londres

 

 

Organizzato da

e dalla

FECRIS

Con il supporto del governo francese

 

Indice

 

Tom Sackville, presidente dalla FECRIS e del Family Survival Trust (Regno Unito):

Apertura del Convegno

 

Audrey Chaytor (Regno Unito):

Trent'anni di esperienza nell'aiutare le famiglie a sopravvivere al trauma del coinvolgimento nei culti: una storia della battaglia di FAIR e del Family Survival Trust

                                                                                                                                

Georges Fenech, Presidente di MIVILUDES [1] (Francia):

Promuovere un programma europeo di vigilanza e lotta contro le derive settarie

 

Massoud Banisadre (Regno Unito):

Sette e terrorismo

 

André Frédéric, deputato federale della Camera dei rappresentanti del Belgio, Presidente del gruppo di lavoro incaricato di assicurare il seguito alle raccomandazioni della Commissione parlamentare di inchiesta su "culti/sette":

Presa di coscienza del fenomeno in Belgio [2]

                                                                  

Caterina Boschetti, giornalista  e scrittrice, Maurizio Alessandrini, presidente del FAVIS,  e Paolo Doppieri, regista ( Italia):

L'evoluzione della situazione in Italia:  dalla pubblicazione de Il libro nero delle sette in Italia al progetto Nepenthes, un film per sensibilizzare la popolazione mondiale al settarismo. [3]

 

Tatiana Karpacheva, professore associato di Filologia presso l'Università pedagogica di Mosca (Russia):

L’infiltrazione di Scientology nel sistema di istruzione russo.

                                                                       

Philippe Dutilleul, giornalista della RTBF[4] e Nathalie De Reuck[5]: giornalista e scrittrice  (Belgio):

spiegheranno come hanno realizzato un film (“Morte su prescrizione medica”) relativo alla loro indagine sulla morte della madre di Nathalie che, sotto l'influenza di pseudo terapisti, ha rifiutato il trattamento medico

Testimonianza di Nathalie « Hanno ucciso la mia madre »   

 

Daniel Picotin, avvocato presso il foro di Bordeaux (Francia),

esamina le difficoltà legali di un affare internazionale estesosi tra la Francia sud-occidentale e Oxford, durante il quale un guru francese è stato arrestato in Svizzera mentre un'intera famiglia sotto la sua influenza ha vissuto in reclusione per 8 anni e poi è finita in rovina a Oxford

 


[1] Missione interministeriale di vigilanza e lotta contro le derive settarie, Parigi

[2] "Broyeurs de consciences: l'évolution des sectes en Belgique", André Frédéric, 18 02 2010, éditions Luc Pire

[3] Il Libro Nero delle Sette in Italia, Caterina Boschetti, 2007, Newton Compton Ed. (5 edizioni)

[4] Radio Télévision belge francophone

[5] "On a tué ma mère", Nathalie De Reuck, Philippe Dutilleul, Editions Buchet-Chastel, 2010